caffè

10 motivi per non bere più caffè

10 motivi per non bere più caffè

 

 

Lo prendiamo in una tazzina, forse anche questo è un indizio, lo assumiamo a piccole dosi proprio perché crea problemi alla salute, ma forse per lo stesso motivo non gli diamo altrettanto peso, pensando invece che sia solo un piccolo vizio di poco conto, niente di più sbagliato.

 

Per capire la pericolosità del caffè è sufficiente stare un giorno senza bere caffè, per chi abituato a prenderne almeno due al giorno normalmente dopo i pasti principali, sarà una giornata d’inferno, tanto sarà il desiderio o meglio la necessità fisica di berne almeno uno infatti, smettere è tutt’altro che facile e neppure indolore, ma di sicuro è una scelta corretta.

 

Tutto il negativo del caffè

 

  1. Il caffè da dipendenza: ed è una droga caustica che provoca assuefazione, bevendo anche solo uno o due caffè al giorno, una volta abituato l’organismo sarà difficile liberarsene. Infatti, il caffè spesso è paragonato alla cocaina.
  2. Causa difetti genetici: da non crederci, eppure studi hanno evidenziato questo inquietante aspetto, il caffè e teratogeno, può causare malformazioni e difetti ai neonati, specie agli arti.
  3. Mutageno: una normale tazzina contiene 250mg di acido clorenico di actractylasides molto tossico combinato con glutathione transferase estremamente dannosi.
  4. Cancerogeno: per via della combustione riguardante la tostatura e del contenuto prodotto il methilglyoxal, il caffè è associato ai tumori alle ovaie, alla vescica, pancreas, stomaco e dell’intestino.
  5. Caffeina: questo elemento è considerato uno dei 20 veleni più pericolosi presenti sulla Terra, si tratta di un alcaloide che per la sua tossicità irrita il sistema nervoso, creando uno sbilanciamento al sistema simpatico provocando aritmie cardiache.
  6. Sistema renale: questa bevanda provoca danni enormi al fegato, contribuisce con altri effetti devastanti nel danneggiamento del sistema renale, già una tazza di caffè impiega circa 20 ore per attraversare i reni e il sistema urinario, chi supera le 6 tazzine al giorno è potenzialmente un futuro malato da dialisi e prossimo al trapianto.
  7. Acido ossalico: provoca calcoli ai reni e in molte altre parti del corpo, inoltre è una delle cause relative alla perdita di calcio osseo.
  8. Acido urico: è un potente acidificante del corpo, questo a suo volta provoca osteoporosi, disturba la digestione e il sonno, in moltissime persone è la primaria fonte di emicrania, depressione e stanchezza quando non si assume la dose giornaliera.
  9. Restrizione dei vasi sanguigni: causa anomalia alla circolazione coronarica, di conseguenza insufficienza renale, tremolio muscolare, irritazione, insonnia, diabete nei neonati, irritazioni gastrointestinali, altera il glucosio nel sangue principale causa che induce il pancreas a secernere più insulina, provoca ulcere gastriche e ronzio alle orecchie.
  10. Acceleratore digestivo: induce al sollievo digestivo perché stimola il cibo a lasciare lo stomaco più rapidamente, stessa cosa vale per l’intestino, con il conseguente malassorbimento degli alimenti e rallenta la peristalsi intestinale.

 

Chi lo potrebbe mai credere che l’innocua, minuscola tazzina di caffè può causare tutto questo, eppure queste problematiche sono state riscontrate in molte ricerche, ma nessun avvertimento è impresso sulle confezioni di caffè.

 

Smettere non è cosa facile ma non impossibile

 

Non bene più caffè è più facile a dirsi che a farsi, comunque non impossibile, si consiglia di ridurre le dosi gradualmente per non subirne gli effetti indesiderati da disintossicazione, i più comuni sono il mal di testa e prurito per altro molto fastidiosi e nel caso del mal di testa dolorosi.

 

Dimezzare le dosi, questo è un buon sistema, di ogni tazzina si deve bere solo metà caffè, questo per almeno 10 giorni, poi di passa al dimezzamento delle tazzine per altri 10 giorni, infine si elimina del tutto, in questo modo la fase disintossicante sarà meno drammatica e fastidiosa!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.